Grappe Romano Levi by Giorgio Toso artigiano collezionista
Etichetta donne selvatiche
Tra i personaggi fantastici che Levi ha disegnato, il più popolare è la donna selvatica, dalla testa rotonda e il corpo sottile.

Romano, chi è la donna selvatica? "Da ragazzino andavo a scuola a piedi, attraversando le colline e le vigne. Tra i filari c'erano spesso i ciabot, minuscoli ripari attrezzati dove i vignaioli e i contadini si rifugiavano nel caso la sera li sorprendesse una tempesta o se la mattina c'era da stare in vigna prima del sole. Io passavo di lì al mattino e a volte vedevo sbucare da questi ripari donne belle e scarmigliate, un pò pazze, solitarie, che vivevano spesso ai margini della società paesana. Erano misteriose, senza vincoli, sparivano e poi tornavano, un pò streghe e un pò fate. Erano libere, come dovrebbero essere tutte le donne per vivere la parte migliore della vita".
etichetta donna selvatica rossa
Le mani Di Romano mentre disegna le etichette da collezione della grappa della donna selvatica
La donna selvatica che di volta in volta scavalca colline a una a una, va a scompartire le stagioni, scavalca le colline verso oriente, o incontra Carlo e Bruno per un grazie a ciascuno. Una figura femminile mitica, come il suo creatore. Un orafo piemontese ne ha persino fatto un gioiello che la raffigura.
Etichette da Collezione delle donne selvatiche
realizzazione siti internet Zoidesign